Tuesday, 13 August 2013

Mettiamoci (tutte) in bikini!



Si fa un gran parlare di donne formose come di “donne vere”, spietatamente contrapposte alle donne magre che, colpevoli di ricalcare il modello estetico imposto dai media, sono pur sempre donne, ma a quanto pare meno vere rispetto alle portatrici sane di rotolini, cellulite, smagliature e chili di troppo. Questo è un discorso che viene portato avanti non dalle donne che rivendicano con orgoglio le loro curve bensì dai giornali e dai brand che gravitano loro attorno, probabilmente nel tentativo di ingraziarsi il parere delle donne che non corrispondono a determinati canoni estetici screditando coloro che invece li rappresentano.

Io dico, invece, che esiste solo una categoria di donne e ci rientriamo dentro tutte: siamo tutte donne “vere”, non esistono e non possono esistere donne di serie A e donne di serie B, a maggior ragione se il metro di valutazione è lo stacco di coscia o il numero di smagliature sulla pancia!
Esistono però, questo sì, donne che se ne fregano e donne che non se ne fregano. Donne che hanno imparato a farsi scivolare addosso il giudizio degli altri e donne che convivono quotidianamente con il timore di non essere abbastanza.

Tra le donne che se ne fregano ce ne sono alcune che io stimo moltissimo e con le quali ho avuto modo di costruire un rapporto “virtuale” grazie alla mia rubrica The Curvy Corner: Marged, Alessandra, Cristina e Antonietta sono quattro esempi di donne burrose che hanno imparato ad accettare i loro corpi e che hanno aperto altrettanti curatissimi blog di moda dove in questa torrida estate 2013 hanno deciso di mostrarsi in bikini. Lo scopo è quello di smontare con ironia e naturalezza tutte le impalcature mentali che ruotano attorno alla prova bikini, un momento che ogni anno noi donne viviamo male, malissimo: l’idea di andare in spiaggia e doverci coprire solo con un misero costume da bagno non ci piace nemmeno un po’ perché ci costringe a mostrarci per come siamo, con tutti i nostri difetti fisici o presunti tali. Beh, Marged, Ale, Cri e Anto ci vogliono dire questo: “Guardate un pò! Non siamo come le riviste ci vorrebbero, ma cosa dovremmo fare?! Stare chiuse in casa per la vergogna di non corrispondere a dei parametri imposti dall’alto?! Nossignori! Noi ci mettiamo il bikini, andiamo al mare e ce la spassiamo pure!”. E’ un messaggio molto semplice e chiaro ma anche molto potente. E’ significativo che quattro blogger curvy ormai affermate – posso dirlo, vero?! – decidano di mostrarsi senza filtri e, soprattutto, lo facciano con l’intenzione di spronare chi le segue a fare altrettanto. E’ fantastico che, una volta tanto, il fashion blogging non sia solo uno smarchettamento continuo o un’esibizione di prodotti e situazioni ma un vero e proprio mezzo per parlare di accettazione di sé e sdoganare falsi miti.

Condivido dunque con voi alcune immagini tratte dai loro blog (nelle foto scattate in piscina c’è anche la bella Eurwen, sorella di Marged!), con la speranza che possano farvi venire voglia di correre in spiaggia a divertirvi! Perché, ricordatevi, tutte le volte che rinunciamo a fare qualcosa per paura del giudizio altrui, le uniche che ci perdono siamo noi. 


P.S. Se volete rileggere le interviste da me fatte a queste quattro meravigliose donzelle, ecco i link:


11 comments:

  1. hai ragione .. l' estate è di tutte ma direi pure tutti!!!


    MY BLOG: FASHIONSEDUCER.COM


    ReplyDelete
    Replies
    1. Assolutamente! Io parlo al femminile perchè in genere quando di parlo di "prova bikini" ci si rivolge prevalemenete alle donne, ma è chiaro che anche gli uomini hanno il sacrosanto diritto di godersi l'estate anche se non hanno il fisico di Hugh Jackman o il fascino di Brad Pitt!

      Delete
  2. Punto primo: il costume nero intero di Marged è meraviglioso.
    punto secondo: non sono una persona tanto in pace con il proprio corpo quindi mi fa un bene dell'anima sapere che c'è qualcuno che riesce a godersi il proprio corpo!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Il costume che intendi è stato si pubblicato su "La Diva delle Curve", ma ad indossanrlo è Cristina Fogo di "Curvette Blog"! :)
      Comunque sono d'accordo con te, penso che qui in Italia abbiamo alcune tra le curvy blogger più in gamba a livello internazionale, in quanto a qualità dei contenuti e capacità di rivolgersi in maniera semplice e chiara ai lettori! :)

      Delete
    2. sai che questo post l'anno scorso mi era sfuggito? Ti ringrazio tanto per l''appoggio e ovviamente anche quest'anno si continuerà con il messaggio ;) confermo che il costume nero era indossato da Cristina (al momento il suo blog è in stand by per contrattempi ma sto cercando di convincerla a riprendere perché è un vero peccato) che per il post costumi dell'anno scorso ha collaborato allo shooting prendendovi parte. Il costume è di Curve Pericolose

      Delete
    3. p.s. specifco anche che la seconda foto è sempre dallo stesso shooting ma ritrae la mia sorella (gemella)

      Delete
  3. invidio chi non si fa complessi! complimenti alle modelle!

    ReplyDelete
  4. Hai cambiato look al blog! Mi sa che adesso non ci saranno più problemi con i commenti! Comunque concordo con ogni tua parola, è assurdo limitare qualsiasi cosa che si voglia fare per paura del giudizio di qualcun altro. Certo, bisogna sempre guardarsi allo specchio, fregarsene è una cosa, ostentare è un'altra! Ma questo vale per tutti/e!
    Fabiola

    wildflower girl
    Facebook page

    ReplyDelete
    Replies
    1. Vedremo Fabi! Incrocio le dita! ;P Bacio e grazie per il tuo commento, sei sempre molto acuta con le tue osservazioni!

      Delete
  5. Cara Giada, che bello, finalmente riesco a ricommentare il tuo blog che, tra l'altro, adoro leggere proprio perché i tuoi post mi fanno pensare :), hai fatto bene a cambiare layout, così sarà maggiormente accessibile a tutti ! Mi è piaciuto molto questo post e mi è piaciuta molto la frase finale, è vero che ogni volta che ci lasciamo condizionare dal giudizio altrui a perderci siamo noi ! Un bacio grande !

    Fashion and Cookies
    Fashion and Cookies on Facebook
    Bloglovin

    ReplyDelete

Il tuo commento contribuisce ad arricchire questo blog: grazie!